Come progettare la tua cucina? Ecco il metodo concreto che ti farà anche rilassare

Quando le persone entravano nel mio vecchio negozio di arredamento per progettare la cucina, si trovavano davanti circa una trentina di modelli di cucine. Mi ricordo che dopo i saluti passavamo più di un’ora a girare da un esempio all’altro per guardare un dettaglio, per trovare qualcosa di simile a quello che cercava il cliente.

Progettare la cucina in passato: un lavoro di immaginazione

Una volta per progettare la cucina dovevamo lavorare di fantasia per immaginare di adattare quel modellino al loro vero ambiente. Facevamo le prove per l’altezza del piano di lavoro, sbagliando anche di qualche centimetro. Con un metro appoggiato al muro, simulavamo l’altezza dei pensili per capire se ci arrivavano, se erano troppo alti o troppo bassi, ottenendo naturalmente dei risultati a dir poco approssimativi.

Chi sta leggendo e ha acquistato almeno una cucina, sicuramente ricorderà l’impresa nel decidere gli abbinamenti dei colori. Con dei campioncini grandi al massimo 10 cm, appoggiati uno sull’altro, si decidevano i colori delle ante e i colori dei piani. Si sceglievano così le cucine, con solo questi due elementi.

E gli elettrodomestici, lo zoccolo basso, le maniglie, i colori delle pareti e del pavimento, le tende, l’illuminazione? Immaginazione, tanta immaginazione. Pareva che mettessimo la cucina nel vuoto, senza altri riferimenti cromatici intorno.

“Più o meno ho capito…”

Quante volte ho sentito dire ai miei clienti, esausti dopo mille esempi e spiegazioni, “ok dai Fabio, PIÙ O MENO ho capito”? Era impossibile far toccare con mano il vero prodotto che poi si sarebbero trovati in casa.

Anni fa lavoravamo tutti in quel modo, non c’erano mica altre soluzioni. C’era chi ti preparava un disegno su carta, magari con un po’ di colori, e se volevi cambiare qualcosa non potevi.

Poi sono arrivati i programmi di disegno a computer, ma i colori non sono perfetti e comunque manca la parte “pratica”, vale a dire altezze e profondità da provare. Visto così non è proprio il massimo del servizio.

Ti adatteresti ancora a scegliere di progettare la cucina alla cieca come si faceva una volta? Spendendo magari 5000, 10.000 o 15.000 € dei tuoi sudati risparmi? No? E che altre soluzioni hai trovato in giro?

Cosa ti offriamo di diverso noi di SpazioCucina™

Noi non abbiamo trenta esempi di cucine da farti vedere. Ne abbiamo molti di più! La differenza è che progettare la cucina oggi con noi significa costruirla direttamente in SpazioCucina™, toccando subito con mano tutte le caratteristiche che faranno parte della cucina che verrà montata a casa tua.

Zero rischi. Zero errori. Zero sorprese.

Quello che vedrai sarà:
– ricostruzione del tuo ambiente a computer;
– abbinamenti cromatici dal vivo (con pavimenti, rivestimenti, illuminazione, tendaggi e colori);
– prova delle altezze e della praticità della cucina.

Tutto in meno di 20 metri quadri, nello stesso show room, in modo semplice e veloce. Chiedi direttamente alle persone che sono già diventate nostre clienti cosa pensano del sistema SpazioCucina™ e vedrai che progettare la cucina sarà un’esperienza decisamente rilassante.

Trovi le loro testimonianze qui.

Alla prossima!
Fabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un commento su “Come progettare la tua cucina? Ecco il metodo concreto che ti farà anche rilassare”