Scegliere il frigorifero: quali sono le cose da valutare?

Scegliere il frigorifero è una cosa che oggi diamo per scontata quando pensiamo a un progetto di cucina. Riusciresti a immaginare una casa senza il frigorifero? Immagino di no. Eppure il frigorifero è diventato un bene di massa in tempi piuttosto recenti anche nel nostro Paese. I metodi alternativi per la conservazione del cibo sono diversi. Basti pensare alle ghiacciaie sotterranee che venivano costruite in zone piuttosto fredde, alla salagione, all’essiccatura e ai vari sottoli e conserve. Nulla, però, ha semplificato la vita come il frigorifero. A questo punto una domanda nasce spontanea.

Come scegliere il frigorifero giusto per la tua cucina?

Se segui già da un po’ il nostro blog sai bene che questa è una domanda la cui risposta può essere una soltanto: dipende. La scelta, ormai lo sai, deve essere fatta in fase di progettazione, in base alle tue specifiche richieste ed esigenze. E qui ti ricordo sempre il valore del nostro questionario.

Scegliere il frigorifero: cosa valutare?

Sono diverse le valutazioni da fare prima di scegliere il frigorifero. Spazio in cucina, budget, capienza, usi e abitudini di utilizzo, classi energetiche, design e rumore. Rispetto al passato anche questo elettrodomestico si è evoluto tanto, arrivando ad offrire una gamma davvero notevole di varianti e possibilità. Le soluzioni possono essere tante ma bisogna valutare tutti questi elementi. Con le nuove tecnologie, inoltre, le possibilità sono davvero tantissime. Esistono oggi frigoriferi con tablet integrato, con videocamere interne e la possibilità di inserire le scadenze dei prodotti direttamente dalle app. In questo modo si viene avvisati in tempo per consumare i cibi limitandone gli sprechi.

Frigorifero da incasso o libero posizionamento?

Questa è una delle cose che ci viene chiesta più spesso. Queste due tipologie di frigo hanno elementi comuni: per entrambi si può scegliere tra le diverse opzioni di raffreddamento (no-frost, low frost, stop-frost) e la vasta scelta di classi energetiche. Cosa li differenzia allora? In quali casi scegliere l’uno o l’altro?

Il frigorifero da incasso è da preferire quando l’elettrodomestico non lo si vuole rendere visibile. Per quanto riguarda il costo, in linea generale, la tipologia ad incasso è più costosa del libero posizionamento poiché bisogna calcolare anche il costo del mobile dentro il quale verrà inserito. Però è anche vero che ci sono elettrodomestici da libero posizionamento con prestazioni elevate, che vanno a superare il prezzo dell’incasso.

La principale caratteristica del frigo a libero posizionamento riguarda la rottura della continuità estetica della cucina. Questo tipo di frigo ha una varietà di finiture e design che spesso lo rende più accattivante. Pensiamo al frigorifero SMEG che è diventato un’icona: averlo nella propria cucina in bella mostra è per molte persone un valore aggiunto, nonostante la capienza più limitata. E a proposito di capienza c’è da dire che, a parità di dimensioni, il frigo da libero posizionamento ha una capacità maggiore. Negli ultimi anni, però, questo problema è stato risolto da diverse aziende con la creazione di frigoriferi XL o con linee più alte, come per esempio la “linea Everest”.

Una valida alternativa è scegliere il frigo da incasso da 75 perché unisce la maggiore capienza, tipica del libero posizionamento, alla continuità estetica del frigo da incasso. L’unico punto a sfavore di questa tipologia è dato dalle dimensioni, poiché, in caso di rottura, non è sempre facile trovare un frigo da sostituire che sia perfetto al centimetro.

Monoporta, doppia porta, combinato, side by side

Vediamo ora qualche modello di frigo. Il monoporta ha, come è facile intuire, una sola porta per tutto l’elettrodomestico. Il frigo doppia porta è quello più conosciuto, che si vede di più nelle case e nei negozi. Ha una disposizione diversa al suo interno con una capienza variabile. Capienza invece più consistente nel caso del frigorifero combinato, il quale prevede il frigo e, in basso, il vano del congelatore suddiviso in cassetti. Se poi la necessità di capienza è particolarmente importante, allora si passa al side by side dove il frigo e il congelatore sono affiancati. Ricorda esteticamente un po’ le ante dell’armadio, per capirci.

C’è da dire che la varietà di combinazioni di frigoriferi è davvero consistente. A questo si uniscano anche altre richieste relative ad esempio alla limitazione del rumore o agli accorgimenti per diminuire i consumi. Sapevi, per esempio, che un frigo se sta lontano da fonti di calore consuma meno?

Sono certo che le domande che hai in materia a questo punto siano tante. Contattami e sarò ben lieto di risponderti per aiutarti a scegliere il frigo giusto per te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *