Lo so, ti capisco. Pulire il forno fa schifo. Il problema è che non puoi in nessun modo evitarlo.

Se hai già un forno e lo usi, conosci la più grande verità di questo mondo:
potrai anche scegliere la cucina più bella e funzionale di questo mondo
ma non potrai sottrarti all’incubo di tutti i cuochi:
la pulizia.

È statisticamente provato che l’elettrodomestico più noioso da pulire e mantenere è lui: il forno.
Ovviamente, a meno che tu non abbia qualcuno che pulisce ciò che utilizzi ogni volta che entri in cucina, devi anche tu fare i conti con questa realtà scomoda e fastidiosa.

Se stai scegliendo la tua cucina nuova però, dovresti almeno conoscere le possibilità che esistono in commercio. Perchè l’interno dei forni non sono tutti uguali anzi, sono tutti DIVERSI.

 

La strategia per non buttare i tuoi soldi in un forno
che ti farà solo odiare la tua nuova cucina

Come hai imparato leggendo il mio blog, io non ti dico di avere la soluzione universale, anche perché, devi saperlo, non esiste.
Non esiste la risposta adatta a tutti, non esiste il prodotto universalmente ideale, non esiste questa roba.
Lo so che le pubblicità cercano di convincerti del contrario ma mentono. O, meglio, ti dicono la verità valida se hai quelle particolari caratteristiche alle quali si rivolgono.
Io, nel mio blog, cerco di presentarti con onestà la realtà dei fatti e mi impegno, quando chiedi la consulenza, a garantirti la soluzione al 100% (nei limiti della realtà) ideale per te.

Con questo articolo intendo fare un po’ di chiarezza per permetterti di sapere quali sono le domande importarti che devi porti per fare una prima autoanalisi (e conoscere quale può essere il forno più adatto a te).

1. Tu non lo sai ma hai la muffola.
Quale muffola dovrà stare nella tua prossima cucina?

Prima di farti storcere il naso, lascia che ti dica cosa è la muffola: si tratta della cavità interna del forno.
Come in tutto quello che riguarda il mondo delle cucine, il prodotto è uno ma ne esistono diversi modelli.

La muffola può essere:

  1. in acciaio;
  2. smaltata;
  3. con funzione pirolitica

Muffola in acciaio:

vantaggi:

  • rende l’interno del forno assolutamente igienico;
  • l’acciaio non teme le alte temperature.

svantaggi:

  • è il più difficile da pulire;
  • può essere graffiato se si usano spugne abrasive.

Muffola smaltata:

vantaggi

  • lo sporco viene via più facilmente;

svantaggi

  • è facile che lo smalto si graffi o presenti delle crepe con l’utilizzo frequente.

Muffola pirolitica:

innanzitutto, se non sai già cosa è la pirolisi e come funziona, vale la pena spendere qualche minuto per fare chiarezza.
La pirolisi è una funzione che permette ai forni di pulirsi da soli, polverizzando lo sporco innalzando la temperatura a valori che si avvicinano ai 500°C.
La pirolisi è una tecnologia molto diffusa da parecchi anni in Francia ma che stenta ad attecchire in Italia.

vantaggi

  • il forno si pulisce da sé;
  • oltre a pulire, igienizza superfici, teglie e griglie all’interno del forno;
  • sicurezza garantita, perché la porta del forno viene mantenuta bloccata meccanicamente;
  • può essere usata quando si vuole;
  • sistema automatico che non richiede la presenza in casa durante il processo;
  • semplice da utilizzare;
  • ecologico perchè non si utilizzano prodotti chimici;
  • non lascia alcuna traccia nel forno;
  • l’alta temperatura raggiunta non è pericolosa per gli altri mobili della cucina;
  • consumi trascurabili dal punto di vista economico (pochi centesimi di euro per un intero ciclo di pirolisi).

svantaggi

  • non utilizzare contemporaneamente ad altri elettrodomestici che consumano energia;
  • badare che nel forno non siano presenti residui di cibo che ad alte temperature rovinerebbero il forno (per esempio tracce di zucchero che si attaccherebbero alle pareti o briciole che innalzerebbero ulteriormente la temperatura);
  • tempi lunghi: fino a due ore a ciclo prima della fine del quale non è possibile utilizzare il forno;
    sviluppo di una quantità di calore superiore rispetto agli altri forni (caratteristica che può risultare fastidiosa soprattutto nelle stagioni calde)
  • costo superiore;

2. premesso che lo odi ma lo devi fare,
come pulisci il tuo forno?

Buona notizia:
pulire oggi i moderni modelli di forno è più facile rispetto a prima.

Le pareti interne dei forni sono realizzate

  • con materiale vetroso;
  • materiali catalitici;
  • impianto per pirolisi.

Il materiale vetroso si pulisce passando un panno imbevuto di detergente neutro quando il forno è freddo;
il materiale catalitico, che assorbe ed elimina i grassi, evita che residui di cibo rimangano all’interno.
La pirolisi è un sistema di autopulizia ma prima bisogna accertarsi di non aver lasciato dentro il forno residui di cibo.

Esistono diversi livelli di pulizia pirolitica, ciascuno di durata diversa.

primo livello, quello più breve, serve per eliminare gli odori;
livello intermedio, se la superficie è mediamente sporca;
livello alto, di durata più lunga, viene usato se lo sporco è di una certa consistenza.

Non servono detergenti particolari o prodotti chimici e non lascia alcuna traccia nel forno.

Altre alternative valide e sempre-verdi per la pulizia del tuo forno attuale o futuro.

pulizia a vapore: se hai un forno a vapore, o con la funzione vapore, o un vaporetto, lo puoi tranquillamente utilizzare per ammorbidire lo sporco così diventa molto più semplice pulire.
Allo stesso modo, far bollire dell’acqua per una decina di minuti all’interno del forno produce vapore acqueo che ti aiuta nella successiva fase di pulizia.

il segreto della nonna: limone, bicarbonato, un po’ di tempo e di voglia.
Provare per credere!

3. Poiché un forno devi pur comprarlo, come fare la scelta che arginerà nel modo migliore per te il problema pulizia?

Ok questo è quello che capita sempre.
Un cliente attento e preciso come te tende ad informarsi e ad arrivare preparato al confronto col mobiliere.
Davanti ad una scelta come questa, però, come ti ho detto all’inizio, non esiste una soluzione universale.
E’ fondamentale quindi che ti concentri su quelle che sono le tue abitudini ed esigenze.

Vediamo quali sono i fattori importanti.

Nota bene: queste non sono tutte le domande che ti farà il consulente di Spazio Cucina ma solo alcune e, comunque, ti aiuteranno a capire che orientamento prendere.

  1. Quanto cucini?
  2. Cosa cucini?
  3. Come cucini?
  4. Che priorità hai?
  5. Sei molto attento ai consumi energetici?
  6. Utilizzi già prodotti ecologici per la pulizia del forno?
  7. Qual è il tuo budget di spesa complessivo?

Quanto cucini?
Se sei una persona che utilizza quotidianamente il forno, se per te non esiste quasi altra forma di cottura e tieni più acceso il forno che la televisione, devi fare attenzione a consumi e riscaldamento.

Cosa cucini?
Se col forno cucini di tutto: dalla carne col sugo, al pesce, alle torte, sarà per te più facile sporcare e dover fare i conti con gli odori.

Come cucini?

  • Che funzione usi principalmente?
  • Funzione ventilata?
  • Statica?
  • A vapore?
  • Combinata?
  • Un po’ di tutto a seconda di cosa cucini?
  • Hai preferenze?

Che priorità hai?
Per te è più importante avere un forno perfettamente pulito oppure tieni più ad avere un rivestimento igienico al 100%?
Nel farti questa domanda devi considerare che una cosa esclude l’altra.

Sei molto attento ai consumi energetici?
In questo caso, oltre alla tecnologia del forno, bisogna interrogarsi anche sul tipo di alimentazione che si vuole usare per il forno.

Utilizzi già prodotti ecologici per la pulizia del forno?
Hai già individuato una tipologia di prodotti che si accordano con la tua particolare filosofia di vita?
Bisogna trovare un forno che, con quei prodotti, venga pulito a dovere.

Qual è il tuo budget di spesa complessivo?
Quando si pensa all’acquisto del forno, non bisogna pensare a quanto si vuole spendere per il singolo elettrodomestico ma anche ad altri fattori.

Sia chiaro: è ovvio che a tutti piacerebbe avere il forno che si pulisce da solo, che non consuma energia e che costa €100,00.

È anche vero che a tutti piacerebbe anche vivere in una villa con piscina, maggiordomo e ferrari e non avere mai limiti di spesa.

In entrambi i casi però bisogna confrontarsi con la realtà 😉

Quindi o sei tra i pochi fortunati che possono avere tutto senza accusare il colpo economico oppure anche tu, come me e come tutti, quando fai un acquisto devi fare i conti con il tuo budget prefissato.

Per questo è nato il sistema SpazioCucina.

Il compito di SpazioCucina è esattamente questo:

  1. capire con precisione le tue esigenze di base (come cucini e come vivi) e quali sono le tue aspettative;
  2. comprendere quali sono le tue priorità;
  3. conoscere il tuo budget complessivo e tenerne conto;
  4. scegliere tra le migliaia di prodotti e marche esistenti, aiutandoti a scegliere tra una rosa ristretta di soluzioni perfette per te
  5. aiutarti a bilanciare il tuo budget sulle cose che veramente ti daranno soddisfazione.

Non dimenticare che noi di SpazioCucina siamo così attenti alle tue esigenze e siamo così sicuri di farti le domande giuste e di saper ascoltare che tue risposte, che ti diamo la Garanzia 100% Soddisfatto o Rimborsato.
Clicca qui per leggere come funziona.

A presto,
Fabio

The following two tabs change content below.
Fabio Dal Zotto
Vivo a Thiene e da oltre 12 anni mi occupo di arredamento di interni. Ho ideato il sistema SpazioCucina™ perchè sentivo che ai miei clienti non bastava più un insieme di "pezzi di legno ed elettrodomestici al miglior prezzo", ma cercavano un risultato specifico per le loro esigenze. Senza rischi e senza sorprese.